• 3288351279
  • Dal lunedì al venerdì 10:30 - 13:00 17:30 - 20:00 Sabato 10:30 - 12:30

Malattie degli uccelli

Il buono stato di salute di un uccello sano appare già a prima vista. L’animale si presenta con le giuste proporzioni corporee in relazione alla sua specie ed alla sua età. È in buono stato di nutrizione, non magro e senza grasso in eccesso. L’addome è roseo o giallo per il deposito di grasso, non si evidenziano aree più scure o le anse intestinali infiammate, il fegato non deborda. I muscoli pettorali sono sopra il livello delle sterno e sono tonici. Il piumaggio è aderente al corpo, completo pulito e lucente.

Gli orifizi naturali (bocca, naso, orecchie, cloaca) sono asciutti e puliti, privi di materiale che li imbratti. Le mucose (lingua, palato, ecc.) sono rosee ed asciutte. È dinamico e vitale, si muove spesso e non resta fermo sul posatoio. Le feci hanno un aspetto normale, il respiro è regolare e mai rumoroso.

Mentre nel caso opposto, in quasi tutte le malattie l’uccello manifesta dei sintomi comuni che tenderà a mascherare in presenza di persone vicino alla gabbia poiché in natura è una preda.

Il più noto è il cosiddetto “impallamento” e consiste in un arruffamento del piumaggio che serve per creare una camera d’aria attorno al corpo utile per tenere più alta la temperatura corporea. L’occhio è spesso socchiuso, con uno sguardo che sembra indicare sofferenza. La posizione sul posatoio è seduta, con le zampe flesse. L’uccello staziona molto, è letargico e di solito mangia e beve di meno.

Nei problemi respiratori il respiro può diventare più frequente e rumoroso, in quelli digerenti le feci cambiano di colore e consistenza. Nelle forme gravi l’uccello staziona sul fondo della gabbia, può essere afferrato senza che opponga resistenza e le zampe diventano fredde.

Le malattie degli uccelli da gabbia e voliera possono essere classificate a seconda dell’agente eziologico, cioè del responsabile della malattia. Si conoscono molti tipi di microrganismi capaci di causare malattie, alcuni specifici di determinate specie, altri potenzialmente pericolosi per molti generi aviari. Vediamo sinteticamente le diverse classi tassonomiche di agenti eziologici che causano malattie.

Molte malattie degli uccelli sono ancora sconosciute, non studiate a causa di carenze di fondi per la ricerca in questo ambito. Ad esempio, la malattia degli occhi gonfi del canarino, è ancora un’incognita per la trasmissione, terapia e profilassi.

© 2022 Dr. Toma Amilcare ambulatorio veterinario - P. IVA 03962740753
Free Joomla! templates by Engine Templates

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.