• 3288351279
  • Dal lunedì al venerdì 10:30 - 13:00 17:30 - 20:00 Sabato 10:30 - 12:30

Malattie parassitarie dei cani

Le malattie parassitarie vengono causate da organismi parassiti che possono colpire gli animali a livello intestinale, cardiocircolatorio e cutaneo.

Molto diffusa in Italia è la leishmaniosi, malattia provocata da un protozoo diffuso da un piccolo insetto chiamato flebotomo che punge e si nutre del sangue di cani, ma anche gatti, lupi, volpi, ratti e anche l’uomo.

Il parassita che entra nel sangue invade la milza e il midollo osseo, dove si moltiplica. L’incubazione può durare anche un anno. La malattia porta un graduale deperimento del cane e può portare alla morte.

Tra i più comuni parassiti intestinali sono da citare quelle sostenute da vermi tondi ascaridi, anchilostomi e tricocestodi e dalle tenie, vermi piatti simili a nastri, che possono avere lunghezze variabili, da pochi millimetri ad addirittura dieci metri di lunghezza. Le parassitosi intestinali si trasmettono generalmente per contatto diretto con feci di cani parassitati, terreno sporcato con le deiezioni o per infestazione di ospiti intermedi (animaletti che albergano i parassiti). C’è inoltre la giaridia, protozoo intestinale che colpisce sia cuccioli che anziani.

Altri insidiosi parassiti che infestano la mucosa intestinale sono i coccidi, che colpiscono i cani per via orale attraverso i contatti con animali infestati. Questi parassiti possono essere molto pericolosi per i cuccioli. Il sintomo principale è la diarrea emorragica e forti dolori addominali.

Le infestazioni di parassiti possono però colpire anche il sangue e il sistema cardiocircolatorio, dando origine a pericolose patologie. Bisogna ad esempio fare molta attenzione alla filariosi cardiaca, molto diffusa in Italia, causata dalla dirofilaria, un parassita che colpisce il cuore. La diagnosi è difficile, soprattutto nelle fasi iniziali della malattia; quando invece viene individuata allo stato avanzato a volte le cure possono risultare inefficaci.

L’ehrlichiosi viene invece trasmessa dai morsi delle zecche, le quali mettono in circolazione nel sangue dei microrganismi chiamati ehrlichia che provocano una grave diminuzione di tutte le cellule del sangue e soprattutto delle piastrine. La malattia causa febbre, anoressia, piccole emorragie diffuse e una grave anemia. L’ehrlichiosi uccide circa il 30% dei cani infettati.

Infine bisogna prestare attenzione anche alle malattie parassitarie della pelle, come ad esempio la rogna demodettica o demodicosi, un’infestazione dei follicoli del pelo da parte di un acaro. Molti cani sono portatori sani dell’acaro in questione, ma solo in particolari condizioni sviluppano la malattia, che porta alla perdita del pelo e grave irritazione della cute. Pericolosa anche per l’uomo è invece la rogna sarcoptica, meglio conosciuta come scabbia. Causata da un acaro, è molto contagiosa. Anche in questo caso l’infestazione porta la perdita del pelo e una forte irritazione cutanea accompagnata da vesciche e pustole.

© 2022 Dr. Toma Amilcare ambulatorio veterinario - P. IVA 03962740753
Free Joomla! templates by Engine Templates

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.